Delitto Macchi, Lelio estraneo omicidio

Ha voluto sgomberare il campo dal sospetto che fosse tale Lelio l'assassino di Lidia Macchi il sostituto pg di Milano Gemma Gualdi come ipotizzato da una testimone nelle precedenti udienze del processo per l'omicidio della studentessa, uccisa nel gennaio del 1987. Il magistrato "fedele all'impegno di lavorare per la verità, anche a favore della difesa", ha rintracciato Lelio (la teste aveva riferito di conoscerlo solo di vista) che ha subìto una perquisizione ieri da parte degli agenti della squadra mobile di Varese e Milano. L'uomo è risultato essere affetto da "schizofrenia cronica" che l'aveva più volte costretto al ricovero e Lelio, sentito a verbale, ha detto di non aver mai riferito alla testimone di aver ucciso Lidia Macchi nel periodo successivo all'omicidio.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Cannero Riviera

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...